Cartoline da Montecrestese (VB)

Torniamo nell’Ossola con le cartoline in bianco e nero di oggi. Siamo a Montecrestese il comune principale che include diversi piccoli antichi borghi. Abbiamo già visto quello di Naviledo; oggi ci spostiamo nel comune principale, in frazione Chiesa.

opel-rekord-montecrestese

La chiesa romanica…

E di chiese parliamo visto che qui a Montecrestese c’è la chiesa principale, quella romanica di S. Maria Assunta. Nasce agli inizi del XII secolo, ad una navata unica, molto probabilmente eretta sui resti di una chiesa più antica. Nel XV secolo si amplia aggiungendo le due navate laterali, poggiate su otto colonne in serizzo, una roccia molto comune in queste regioni e spesso utilizzata per la costruzione di ponti o chiese.

L’ho trovata chiusa purtroppo. All’interno ci sono affreschi di fine ‘500 realizzati dal pittore Giacomo da Cardone, un Giudizio Universale e una Crocifissione, oltre ad un autoritratto dello stesso artista. Anche la volte della chiesa sono affrescate, in epoca più recente e in stile barocco.

chiesa-romanica-s.m.-assunta

…e il campanile-matrioska

Attraversando la strada, distante diversi metri dalla chiesa, c’è il campanile. Realizzato sempre nel XII secolo, si trova sull’altura che domina Montecrestese. E’ un affioramento roccioso levigato dall’erosione antica del ghiacciaio ossolano che si affaccia sulla valle. La sistemazione così distaccata del campanile aveva la funzione di richiamare più facilmente i fedeli dalle valli.

campanile-di-montecrestese

La curiosità legata al campanile di Montecrestese non è tanto l’altezza. In realtà quello che si vede è solo linvolucro esterno del vero campanile romanico, praticamente è un campanile-matrioska. Infatti la parte esterna e più visibile, alta 24 metri, è stata realizzata tra il XVI e il XVII secolo.
L’antico campanile romanico è a sei piani, con monofore in basso e bifore e trifore verso l’alto. La scala interna, tra i due campanili, porta praticamente fin sulla sommità permettendo di vedere tutti i tratti caratteristici del campanile romanico.

A pochi passi dal campanile c’è anche il piccolo oratorio de Ss. Fabiano e Sebastiano, isolato e in bella posizione panoramica. Nasce nel XVII secolo, come voto fatto dagli abitanti in occasione della peste del 1629/30.

oratorio-montecrestese
panorama-ossola

Se Montecrestese è dunque il principale centro e comune della zona, una buona idea può essere quella di percorrere tutto l’anello che include le varie frazioncine antiche, da Giosio a Naviledo, Altoggio e poi Chezzo e Lomese. Ma visto che non sono le uniche e ci sono cosette interessanti da vedere un po’ ovunque, vi consiglio il sito dedicato a Montecrestese e alle sue frazioni. Trovate tutte le informazioni e i consigli su cosa vedere.

[Tutte le fotografie presenti in questo post, comprese quelle sfuocate e quelle brutte, sono tutelate dal diritto d’autore e non possono essere riprodotte altrove. Copyright PiemonteInOpel, 2020]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *