Il Ponte di Proh, Briona (NO)

un antico ponte medievale

Dopo l’immane sforzo fisico che ho fatto per andare a rivangare le pagine risorgimentali di Camillo Benso Dungue Esisdo di Cavour per il post precedente, oggi torniamo nel novarese per un articolo veloce veloce e poco impegnativo.

Ponte di Proh

Siamo a Briona, in frazione Proh a vedere il ponte medievale. Sebbene disti solo 8 km. da Sizzano, dove nacque mio papà quasi 97 anni fa (madò…), per cui dovrei conoscere la zona molto bene, in realtà ho sentito nominare questo posto per la prima volta soltanto pochi mesi fa, quando ho iniziato a progettare i miei vari giri piemontesi.
All’inizio mi ha incuriosito solo il nome, Proh, con l’acca. Perchè proprio Proh e non Prò con l’accento o Pro’ con l’apostrofo? E’ scomodo, perchè se te lo chiedono devi sempre precisare che è Proh con l’acca; un po’ come quelle che si chiamano Deborah o Sarah… personalmente lo troverei molto faticoso; fatto sta che Proh deriva da Petrurium ovvero “luogo pietroso” e come numerosi luoghi dei dintorni viene già citato prima dell’anno 1000.

Superata la mia superficialità relativa al nome, quello che ho scoperto è invece la ricchezza di siti interessanti tutti raccolti nel raggio di pochissimi metri: si passa dal bel castello di Proh con l’acca, alla cella di S.Mariah del XII° secolo, dalla pieve scomparsa di S. Zenoneh alla chiesa di S. Silvestroh in Castroh, risalente all’ undicesimo secolo; e infine appunto, il piccolo ponteh medievaleh del XIII° secoloh.

Particolare Ponte Proh

Beh, capisco che non ci sia molto da vedere, alla fine è un normalissimo ponte, per altro nemmeno in condizioni eccezionali, ma già il fatto che sia arrivato ancora in piedi fino ai giorni nostri o che non sia stato abbattuto per costruirci sopra una tangenziale è comunque un successo.

un po’ malconcio, ma sta ancora su

Costruito a “schiena di mulo” ad unica mandata sulla roggia Mora, un breve corso d’acqua che scorre praticamente da Ghemme fino quasi ad Agognate, veniva utilizzato per la riscossione di gabelle e dazi, essendo all’epoca un’importante luogo di transito per le popolazioni locali.
Si trova a fianco dell’odierna SP17 che porta a Barengo, proprio di fronte al piccolo cimitero, dove si può parcheggiare agevolmente.

Nella zona il ponte è piuttosto noto, tanto da entrare anche nei modi di dire locali, infatti alludendo a un credito che sarà difficile riscuotere per l’insolvenza del debitore, il detto è “va piài sul punt da Proù ” cioè vai a prenderli sul ponte di Proh, ossia scordateli!.

Ponte Proh

Mi sarebbe piaciuto lanciarmi con la Rekord e fare un saltino tipo Hazzard, ma ovviamente non è percorribile in auto e non mi sono avventurato nemmeno più di tanto a percorrerlo a piedi, non mi ha dato l’idea di essere molto solido… tra l’altro passare alla storia come il distruttore del ponte mi sarebbe dispiaciuto, anche se certamente avrebbe giovato al mio ego e soprattutto alla fama del blog.
Già vedo i titoli: “Distruttoh il ponteh medievaleh dai fratellih Dukeh!!” oppure “Sedicente esploratore fa il gioco della settimana saltellando con una low-rider: crolla il ponte di Proh!!”

Al di là del ponte medievale il sentiero continua permettendo di raggiungere sia l’antica cella di S. Maria, che il castello e il paese stesso, dove sulla collinetta si trova l’antica chiesa di S. Silvestro, dei quali tratterò successivamente.
In conclusione dunque non dico che il ponte di Proh sia l’ottava meraviglia del mondo, ma sicuramente può essere un’ottimo punto di passaggio dove fermarsi un attimo a riflettere sull’essenza della vita e perchè no sull’uso lascivo e dissoluto della lettera H nella lingua italiana.

Ponte di Proh

Informazioni

DOVE MANGIARE:
Oltretutto, sia di fronte al ponte che in pieno paese ci sono due trattorie rinomate, la trattoria Belvedere e la Trattoria del Ponte. Quando sono passato di lì a ottobre, la prima era ancora aperta, volevo prenotare un tavolo ma mi sarei presentato come come Giulioh Conlaccafinale, non so se avrebbero apprezzato…

(Spallucce)

Anche per questo lunedì è tutto, l’appuntamento è come al solito per giovedì con la cartolina sbiadita della settimana.

Arvëdse e buon Proh vi faccia!

[Tutte le fotografie presenti in questo post sono tutelate dal diritto d’autore e non possono essere riprodotte altrove. Copyright PiemonteInOpel 2020]

1 thought on “Il Ponte di Proh, Briona (NO)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *